La colonna sonora di Florarte è a cura della  Filarmonica di Arenzano  con il Festival di musica classica, pop e jazz per un evento che, in modo unico ed esclusivo, combina fiori e arte.

La sede sociale è sita nella casetta vicina alla serra monumentale, all’interno del Parco comunale. Sono attivi all’interno dell’associazione i corsi di musica individuali e le attività didattiche collettive, dove gli allievi possono avvicinarsi allo studio della musica e soprattutto familiarizzare con lo strumento prescelto, messo  gratuitamente a disposizione attraverso una forma di comodato d’uso.

 

 

Sabato 21 aprile Villa Mina ore 20.30

Concerto degli allievi del corso di perfezionamento di flauto tenuto dal M. Francesco Loi, primo flauto del Teatro Carlo Felice di Genova

 

Domenica 22 aprile  Parco Negrotto Cambiaso ore 15

Progetto musicale sperimentale nato come laboratorio per costruzione e utilizzo di strumenti musicali con materiali di recupero, RITMICICLANDO diventa uno spettacolo:

C’è preoccupazione nel comando spaziale interstellare

perchè la salute della nostra galassia, non è da sottovalutare

troppe cartacce di caramelle vagano tra le stelle,

è stata trovata una buccia di banana perfino appesa alla luna,

saturno e i suoi anelli non son più così puliti e belli,

marte si è riempito di carte,

plutone è sommerso dal cartone, e venere è ricoperta di cenere…

 

martedì 24 aprile   Parco Negrotto Cambiaso ore 15

Partecipazione alla grande Caccia al Tesoro “Occhio ai tesori nei Parchi

 

Mercoledì 25 aprile Parco Negrotto Cambiaso  ore 16

STRAMBANDA !   Festeggiamo la Liberazione con musica folk basata su un repertorio popolare tradizionale. La partecipazione di ballerini specializzati in danze occitane e balli tradizionali popolari  promette un pomeriggio all’insegna del divertimento e dell’allegria

 

Sabato 28 aprile – Serra monumentale ore  17

ART&JAZZ
Marco Di Giuseppe e Stefan Gandolfo in concerto in memoria dell’artista Hilke Kracke in occasione della Mostra personale organizzata da Kunst&Arte

 

 

 

 La tradizione bandistica ad Arenzano affonda le proprie radici nei primi del ‘900. A quei tempi la banda “Giuseppe Verdi” rappresenta la principale istituzione del paese e per le famiglie del paese avere un rappresentante nella banda cittadina costituisce motivo d’orgoglio. Nel dopoguerra, la banda musicale si scioglie. Anni dopo verrà costituito un gruppo folcloristico, “Sciuscia e scioppa”, i cui vivaci costumi si richiamano alla tradizione della marineria ligure. Gli Anni Sessanta rappresentano un’autentica rinascita per la vita sociale italiana e la banda viene chiamata a rappresentare il folclore ligure anche all’estero. In seguito, le difficoltà economiche smorzano gli entusiasmi e la “Sciuscia e scioppa” chiude i battenti. Negli Anni Ottanta l’Amministrazione comunale si sforza di ricostituire un complesso bandistico, ma trovare suonatori si rivela più difficile di quanto previsto. Poco dopo saranno proprio alcuni ex suonatori a rivolgersi all’Amministrazione comunale per ricostituire la banda cittadina. Questa volta l’idea giunge dai singoli ed è vincente. L’entusiasmo e’ dilagante e ai fondatori si uniscono ben presto le nuove leve. Nel 1994 il Comune di Arenzano riconosce ufficialmente l’associazione  musicale costituitasi con il nome di Banda Musicale “Città di Arenzano”. Undici anni dopo il sodalizio assumerà il nome di Antonio Parodi, come tributo alla memoria del suo primo presidente (1994 – 2005). Il primo maestro della ricostituzione e’ Alessandro Scarafone, cui succedono  in ordine cronologico Antonella Bruzzo, Giorgio Verrina, Andrea Mineccia e Luigi Tedone. Quest’ultimo, “primo fagotto”  dell’Orchestra del Teatro “Carlo Felice” di Genova, ne e’ l’attuale direttore. Nel 2005 il M° Verrina, eclettico musicista di grande talento,  scompare prematuramente e la banda  ogni anno lo ricorda con  il memorial a lui intitolato. Grazie al sostegno dell’Amministrazione comunale, l’associazione ha una propria scuola finalizzata all’insegnamento della musica per banda, dove gli allievi possono familiarizzare con lo strumento prescelto, messo  gratuitamente a disposizione attraverso una forma di comodato d’uso. Dal 1994 parecchi giovani, dopo i primi rudimenti ricevuti in banda, hanno scelto  di frequentare il Conservatorio di Musica e si preparano quindi a diventare musicisti professionisti. Nel 2011 l’associazione è stata riconosciuta “Gruppo di musica popolare e amatoriale di interesse nazionale. La sede sociale e’ sita nella casetta vicina alla serra monumentale, all’interno del Parco comunale.

www.bandadiarenzano.it

Post suggeriti
Contattaci

Non siamo disponibili al momento, lasciateci un messaggio e vi risponderemo al più presto, grazie.

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt