FlorArte  Arenzano

L’arte interpretata con i fiori

21 – 25 aprile 2018

nella Serra e nel Parco Negrotto Cambiaso ad Arenzano (GE)
Ingresso  gratuito

Appuntamento dal 21 al 25 aprile 2018 con la diciannovesima edizione di FlorArte, l’arte interpretata con i fiori .

Mentre si sta predisponendo il programma dell’aprile 2018, ricordiamo che l’edizione 2017  ha visto l’Omaggio al Maestro Plinio Mesciulam nella serra monumentale,  con le composizioni floreali di veri e propri artisti dei fiori ispirate  alle opere del maestro:  nel corso delle quattro giornate di esposizione,  FlorArte è stata visitata da 6500 persone.  Oltre la mostra nella serra, con l’abbinamento delle composizioni floreali ispirate alle opere d’arte, molto visitata  anche la mostra collettiva Il percorso dell’arte organizzata nella serretta da Kunst & arte con la presentazione del Dizionario degli Artisti Liguri (ed. De Ferrari) da parte del Prof. Luciano Caprile.

Anche nel 2018, FlorArte si svolgerà nel Parco Negrotto Cambiaso, con tanti eventi dedicati .

Sabato 21 e  domenica 22 aprile 2018 si terrà  la decima edizione della Mostra mercato florovivaistica  con tanti eventi dedicati al vivere green, organizzati dalle attive associazioni  culturali tra cui il Flower Music Festival a cura della  Filarmonica di Arenzano. Nei giorni successivi, saranno realizzati iniziative gratuite come concerti, laboratori, incontri, visite guidate,  coinvolgendo  il paese e gli altri parchi storici di Arenzano, Villa Figoli e Villa Mina, per terminare con il 25 aprile, con una manifestazione dedicata alla Festa della Liberazione.

FlorArte è promossa ed organizzata dall’ Assessorato al Turismo e Cultura del Comune di Arenzano, località della Riviera Ligure di Ponente.

Riceve dall’inizio il patrocinio  della Regione Liguria.

 

 

 

 

 

 

Ma i parchi di Arenzano ci sono tutto l’anno.

Oltre al Parco più noto, Villa Negrotto Cambiaso, sono visitabili anche i  parchi di Villa Figoli e di Villa Mina.

 

 

FlorArte ad Arenzano, una città di giardini sul mare!

FlorArte, evento unico nel suo genere, è stato definito un “giardino d’arte” perché qui l’arte si confonde con i fiori e l’uno esalta l’altro.
Una mostra dove i fioristi creano splendide composizioni floreali ispirandosi ciascuno all’opera di un artista, utilizzando esclusivamente fiori di Liguria: colori, profumi, forme si fondono in un’alchimia speciale dovuta anche al luogo speciale dove la mostra viene allestita, la serra déco del Parco Negrotto Cambiaso di Arenzano.

FlorArte è nata nel 1999 per riportare ad Arenzano le mostre di pittura degli anni del dopoguerra e grazie ad essa nel corso degli anni sono state esposte opere di grandi nomi dell’arte e di giovani autori. Ma i grandi eventi nascono spesso da fortunate coincidenze artistiche. L’idea di abbinare ad ogni opera d’arte una composizione floreale, che ne riporti lo stile, i colori, l’impressione, nasce durante un incontro di Nalda Mura, critico d’arte, con Chicco Pastorino, floral designer: le opere dei fioristi sono un ritratto all’incontrario e, se di solito è l’artista che viene ispirato dalla natura, al contrario a FlorArte la natura si fa arte.

Chicco Pastorino  con Andrea Fazio di Verde Gioia cureranno l’allestimento floreale, coordinando numerosi fioristi, con il patrocinio di Fiore e Piante d’Italia: più di mille orchidee di produzione locale verranno utilizzate per l’addobbo nella serra e a tal proposito è  importante sottolineare l’utilizzo di fiori di produzione italiana.

FlorArte non potrebbe esistere aldifuori del  Parco Negrotto Cambiaso e dalla imponente serra liberty in ferro e vetro. Nel corso degli anni, la manifestazione si è ampliata naturalmente, divenendo un mezzo per richiamare l’attenzione sulla necessità di promuovere  e tutelare il giardino storico e quanto esso rappresenta in tutti i suoi aspetti: natura, arte, storia, ecologia e tutela dell’ambiente, biodiversità, turismo e cultura divengono i temi basilari della manifestazione, con la ormai affermata Mostra mercato vivaistica e tanti eventi a tema nei giorni di sabato e domenica.  Il recente restauro del Parco di Villa Mina  e  il restauro di Villa Figoli attualmente in corso porta sempre più a definire Arenzano come una “città di giardini sul mare”.

 

 

Le ultime news da FlorArte

Contattaci

Non siamo disponibili al momento, lasciateci un messaggio e vi risponderemo al più presto, grazie.

Not readable? Change text.